Percorso: / > SDS Firenze > Chi siamo > Il Direttore della Società della Salute di Firenze

Direttore Società della Salute


Andrea Francalanci - Direttore
tel: 055 2616201
direttore@sds.firenze.it

Antonella Zucchini - Segreteria del Direttore
tel: 055 2616202
antonella.zucchini@sds.firenze.it

Grazia Raffa - Segreteria del Direttore
tel: 055 2616203
grazia.raffa@sds.firenze.it


Le attribuzioni del Direttore della Società della Salute

Art. 12 – Il direttore        

  1. Il direttore della Società della Salute è nominato dal presidente, su proposta della giunta esecutiva e previa intesa con il Presidente della Giunta regionale.
    L’incarico di Direttore della Società della salute può essere conferito a:
    -          un dirigente dipendente del servizio sanitario regionale o del Comune con un’anzianità di servizio di almeno cinque anni maturata nel ruolo dirigenziale;
    -          soggetti in possesso di diploma di laurea che abbiano maturato esperienza almeno quinquennale di direzione tecnica o amministrativa di organismi, aziende o enti pubblici o privati;
    -          soggetti in possesso dei requisiti richiesti per la nomina a direttore dei servizi sociali di cui all’art. 40 comma 5 della LRT n. 40/2005 e successive modifiche ed integrazioni;
    -          un medico di base convenzionato da almeno 10 anni.
    L’incarico di direttore è regolato da un contratto di diritto privato, di durata quinquennale, stipulato con il legale rappresentante della Società della Salute, con l’osservanza delle norme di cui al libro V, titolo II, del Codice Civile, secondo lo schema tipo approvato dalla Giunta Regionale.
    Il trattamento economico del direttore è determinato dalla giunta esecutiva. Il trattamento economico non può essere superiore a quello previsto dalla normativa vigente per il direttore amministrativo delle aziende sanitarie.
    L’incarico di direttore della SdS è incompatibile con la sussistenza di un rapporto di lavoro instaurato a qualsiasi titolo ed in qualunque forma, anche di mera consulenza, nei confronti di associazioni, cooperative, fondazioni presenti sul territorio dell’Azienda Sanitaria di Firenze. Sono altresì incompatibili gli incarichi conferiti da ogni altro soggetto, pubblico o privato, fatti salvi quelli previsti dalla normativa vigente, che possano costituire conflitto di interesse con l’incarico di direttore della SdS. Il direttore non può far parte, anche in forma gratuita, di organi collegiali di associazioni, cooperative, fondazioni presenti sul territorio dell’Azienda Sanitaria di Firenze.
    Il presidente della SdS accerta la sussistenza delle condizioni di incompatibilità del direttore al momento della nomina ed il rilievo di eventuali incompatibilità è contestato dal presidente, in qualunque momento, al direttore il quale, entro dieci giorni dal ricevimento della comunicazione, provvede a rimuoverne le cause, dandone notizia al presidente; decorso tale termine senza che le cause siano state rimosse, il direttore è dichiarato decaduto.
                Il direttore della Società della Salute predispone gli atti di programmazione e ne cura l’attuazione, assicura la programmazione e la gestione operativa delle attività di cui all’articolo 71 bis, comma 3, lettere c) e d) della LRT n. 40/2005 e successive modifiche ed integrazioni, esercita la direzione amministrativa e finanziaria della Società della Salute.
    Il direttore esercita tutte le competenze previste dalla vigente normativa, dallo statuto, dalla convenzione e dai regolamenti, nonché quelle espressamente conferitegli dalla assemblea dei soci e dalla giunta esecutiva ed è responsabile dell’attuazione degli atti adottati dall’assemblea dei soci e dalla giunta esecutiva.
    In particolare:
    a)       ha la direzione tecnica, amministrativa e finanziaria del consorzio ed assicura la programmazione e la gestione operativa delle attività del consorzio;
    b)       predispone, sulla base degli indirizzi espressi dall’assemblea dei soci, la proposta di piano integrato di salute, lo schema di relazione annuale dello stato di salute, gli atti di programmazione operativa ed attuativa annuale, il bilancio di previsione annuale e pluriennale, il bilancio di esercizio, il programma di attività propone l’inserimento all’ordine del giorno delle proposte di deliberazione da sottoporre all’esame e all’approvazione della assemblea dei soci e della giunta esecutiva;
    c)       definisce con i responsabili delle unità funzionali della zona-distretto [strutture organizzative dell’azienda unità sanitaria locale] il budget di rispettiva competenza, lo autorizza e lo controlla;
    d)       assume tutti i provvedimenti di attuazione delle deliberazione degli organi della Società della Salute e vigila sulla loro attuazione;
    e)       dirige le strutture individuate dal regolamento di organizzazione di cui all’art. 71 quindecies, comma 1 della LRT n. 40/2005 e successive modifiche ed integrazioni;
    f)        esercita le funzioni di responsabile della zona-distretto di Firenze, su delega conferita dal Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria, e assicura il coordinamento tra le unità funzionali della zona-distretto e quelle eventualmente istituite nella Società della Salute;
    g)       è titolare delle funzioni direzionali attribuite dalla vigente normativa ai dirigenti comunali nelle materie di competenza della SdS;
    h)       concorre, in pendenza dell’affidamento al consorzio della gestione delle attività di assistenza sociale di competenza del Comune, alla definizione del programma esecutivo di gestione (PEG) e del programma dettagliato degli obiettivi (PDO) con i responsabili delle strutture organizzative del Comune;
    i)         dirige le strutture operative dei servizi sanitari e sociali integrati, di cui la SdS assume la gestione diretta, nonché le strutture di supporto della SdS messe a disposizione dagli Enti consorziati;
    j)         rappresenta in giudizio il consorzio, per gli atti di propria competenza;
    Al direttore spetta, altresì, di:
    a)       sovrintendere e coordinare le funzioni dei dirigenti;
    b)       presiedere le commissioni di gara e di concorso, stipulare i contratti e le convenzioni, con possibilità di delegare tali funzioni a dirigenti del consorzio, secondo le norme vigenti;
    c)       organizzare funzioni e attribuzioni di servizi, settori e coordinamento di aree;
    d)       adottare i provvedimenti per il miglioramento dell’efficienza e della funzionalità dei servizi del consorzio;
    e)       adottare i provvedimenti organizzativi urgenti indispensabili per garantire servizi essenziali;
    f)        determinare con propri provvedimenti la costituzione di gruppi di progetto;
    g)       gestire le relazioni sindacali relative al rapporto di servizio del personale assegnato al consorzio.
    Il direttore svolge le proprie funzioni sulla base degli indirizzi programmatori e gestionali espressi dalla giunta esecutiva per il perseguimento dei fini del consorzio.
    Il direttore dispone di autonomi poteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo e assume le funzioni di datore di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 81/2008.
    Il direttore opera assicurando il raggiungimento degli obiettivi del PIS e del POA, sia in termini di servizio che in termini economici, sviluppando un’organizzazione interna idonea alla migliore utilizzazione delle risorse consortili.
    Per l’esercizio delle sue funzioni, il direttore si avvale di uno staff di direzione.
    Il direttore fa parte della Direzione aziendale, secondo quanto previsto dall’art. 57, comma 2, della LRT n. 40/2005 e successive modifiche ed integrazioni.
    Il regolamento di organizzazione della SdS disciplina ulteriori funzioni, modalità di revoca, di valutazione dei risultati, altri profili del rapporto e quant’altro non disciplinato dalla vigente normativa, dallo statuto, dalla convenzione e dal contratto.